Posts Tagged Under: bayern münchen

Die Zukunft ist Deutsch (für eine weile)

Si erano nascosti dietro alla Liga. Non se ne accorse nessuno per troppo tempo, e poi fu troppo tardi. Io iniziai a sospettarlo mentre guardavo uno stanco Clásico pomeridiano, avevo mangiato pesante, o forse fu l’irritante qualità dello streaming, ma iniziai a valutare l’ipotesi che ciò che avevo di fronte non fosse l’apice del calcio mondiale. Stentai a crederci, quello sì. Dov’era andato, lo Spirito del Football?

Che fosse in Germania divenne chiaro a tutti quando il pronostico unanime della finale spagnola fu sgretolato dagli eventi. Lewandowski, Rolls Reus e l’ennesimo Super Mario di questi tempi avari di Luigi sacrificarono il Real Madrid nel tempio del Westfalenstadion, slabbrandone la difesa come un frustino di titanio. Nel ritorno al Bernabeu, los Blancos fecero due gol appena in tempo per aggiudicarsi il


Ora viene il bello

Due mesi, otto squadre, ognuna a sette partite dal titolo di campione d’Europa. Sono di sette paesi diversi e tutte hanno scritto pagine (o libri) della storia della competizione, a parte una, l’intrusa, che è anche l’unica a non essere ultracentenaria. Come Antonello Venditti, ben quattro sono nate sotto il segno dei Pesci. Solo due hanno delle serie possibilità di vincere. E stanno opportunamente in due parti diverse del tabellone, per la gioia di noi tutti.

Futbol Club Barcelona
112 anni, Sagittario
gioca al Camp Nou (99.354), Barcelona
vittorie: 4
finali: 7
probabilità di vittoria: 45%
capitano: Carles Puyol
top scorer: Lionel Messi (12)
in ascesa: Thiago Alcántara
in declino: Eric Abidal (forza!)

Il pallone è il loro e